Donne recluse nei CIE

dicembre 28, 2013 § Lascia un commento

Sulla rivista INCA della CGIL, dedicata al 8 marzo 2013, mio commento all’ART10 della Costituzione Italiana. SU DONNE e CIE http://www.inca.it/Portals/0/Inca_N_OnLine_2-2013/swf/pdf/Inca_N_OnLine_2-2013.pdf

en fuite d’Occident, vers les pays lents

dicembre 12, 2013 § Lascia un commento

 en fuite d’Occident / vers les pays lents / du rire / du boire des rêves / du temps / des paroles qui disent quelque chose / le sable le vent / la femme / le soleil de tes dents / et toi / qui ne sourit plus / mon cœur / en fuite d’Occident / Occidentalie / tu dis / je continue à ne pas comprendre / comment vivre ici aujourd’hui ? / je suis en fuite de vos buildings / de vos shopping / de vos centers / de vos mobiles / de vos absences /

de vos absences

@floremy

Quinto Quarto di Tim Davis

dicembre 9, 2013 § Lascia un commento

Lungo i marciapiedi, sotto i cespugli, tra i palazzi periferici e i campi di mais, nei rumori delle macchine maschiliste. Sottoboschi della società selvaggia, feudale. La camera di Tim Davis sbircia oltre le barriere impermeabili, oltre le cose “percepite” per cercare di vedere qualcos’altro. Il fotografo americano ha chiesto alle “prostituite” di cantare un canto nella loro madrelingua. Emergono canti, ninne nanne in rumeno, ucraino, nigeriano, ritmi brasiliani. Canti a bassa voce, timidi e rimasti dentro, improvvisamente liberati. Ne è nato “La La Traviata” (mostra Vacatio al Macro di Roma) ritratto della violenza totale di quel sfruttamento sessuale; in contrasto, paradossale, quella parte rimasta intatta, umana, non distrutta. Improvviso flash di timida fantasia. Sembrano allora ancora irriducibili, dee, vive.

“1001 Swastikas” video loop angosciante di mille svastiche colte sui muri di Roma, su tutti gli angoli, colonne, licei, stazioni; montate in un flash veloce, danno la sensazione di un vortice onnipresente che invade progressivamente lo spazio di quel potere. Segno mai scomparso malgrado la tragedia del nazismo. Segno ancora mai scomparso. Segno onnipresente

Su Roma, Tim Davis dichiara: “Proprio mentre ero impegnato in questo progetto, mi resi conto che stavo cominciando a notare altre cose, che non erano comprese nelle procedure standard della “buona fotografia”. Iniziai a scattare fotografie digitali, piccole svastiche e peni disegnati sui muri, colpito da come una città così educata e gentile, potesse essere ricoperta di simboli così primitivi”.(Tim Davis, Quinto Quarto, ed. Punctum 2013).

QUINTO QUARTO, di Tim Davis, Museo Macro, Festival della Fotografia, XII edizione.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per dicembre, 2013 su FLOREMY.