Espelleteci

novembre 26, 2010 § Lascia un commento

Espelleteci tutti

barboni, senzatetto, poveri, non abbienti,

musulmani poligami

rumeni ghanesi e senegalesi

tzigani, sieropositivi, disabili

espelleteci tutti

rimarrete con la vostra triste Europa falsa bianca e ricca che non ride con tutti i suoi denti

tenetevi i vostri golden boys dalle cravatte macchiate di licenziamenti

tenetevi i vostri politici macchiati di respingimenti e rimpatri forzati

rinchiudeteci tutti in centri, cie, prigioni, carceri,

espellete persino i cittadini comunitari senza redditi e requisiti

voi che avete appena apposte le vostre finte firme al progetto europeo,

espellete i greci i polacchi e i portoghesi

ammazzate la bambina Europa nata dalla libertà, unica barriera alla vostra follia

ricominciate nella coazione a ripetere la vostra propria storia di appena 60 anni fa

riaprite i campi

i dissidenti siamo noi

quelli che vivono nelle pieghe del sistema, per strada, noi precari, barboni, poveri e zingari

quelli che aprono bocca e osano una strada diversa

dalla vita-binario della produzione mercantilizzata

disumana

Ma se quest’Europa bianca wasp e cristiana realistica materiale razionale e obbediente cresce e accetta solo lavoratori robotizzati e sottomessi che si alzano in mezzo ai loro sogni assenti per trasmutare in un corpo-macchina nel folle traffico di rabbia che uccide, per claxonare all’infinito la loro fustrazione di non esseri

umani

Se l’Europa è diventato questo vasto supermercato bianco che elimina i poveri, questo facebook reale, dove non ci si incontra mai ma dove una pelle scura vi fa paura

Espelletemi

vi scongiuro

Annunci

Bicicletta e fantasia

novembre 10, 2010 § 1 Commento

Una macchina che ti travolge, in bicicletta. Quanti morti ci vorranno per fare emergere alla coscienza collettiva questo traffico-killer? Di pedoni e ciclisti soprattutto, quelli che scelgono la lentezza, la vitalità e la leggerezza e attraversano la città come elfi. La bici, mai come oggi, è l’unico mezzo sostenibile, rifiuto della “coazione masochista a ripetere” l’istinto di morte:  persone auto-ingabbiate, traffico-sfogo di tutte le frustrazioni, prepotenza di narcisi nombrilisti pronti all’acceleratore. La nostra strada, la nostra unica agorà…

Non muori, però come lo vorrebbe la cultura antica, per “destino”o per “fatalità”, solo per i buchi o i sampietrini (anche se vere strade sarebbero urgente). Muori perché bolidi disumani ti vengono addosso, in modo sempre più veloce purché risparmiare un minuto sull’orario del lavoro “sacro”. Premono l’acceleratore, persino sulle strisce. Come se “non ci fossi”. Non sono “cieci”, ma “non ti vedono”. Annullamento criminale. Muori per la malattia altrui (a volta sotto gli occhi stessi della polizia), nel silenzio di tutti; come se una strada omicida fosse una specie di accettata “normalità”. Eppure nel corso degli ultimi anni, statistiche e studi dell’Istat sulla sicurezza stradale dicono della gravità della strage e del drammatico aumento degli incidenti causati da pirati.

Ha infatti ancora senso nel 21e secolo (sic!), con tutte le tecnologie e invenzioni in materia di mobilità creativa che caratterizzono altre capitale europee, subire quell’anacronista violenza? Facciamo un urgente salto di pensiero! Pensiamo la città come bene comune, come “rapporto”, inventiamo una città-bambina, una città-fantasia, una città-incontro, una città-respiro… Rispolveri la tua bici, vagabonda e poetica, che permette riscoperta dell’altro e nuove relazioni umane, (come scriveva l’antropologoMarc Augé nel un recente saggio sulla bicicletta). Un colpo di pedale per strappare la città a quest’assurda paralisi, mentale. La bici è fantasia!

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per novembre, 2010 su FLOREMY.